Vai menu di sezione

Certificazione Family Audit

Lo standard Family Audit è uno strumento di management e di gestione delle risorse umane a disposizione delle organizzazioni pubbliche e private che su base volontaria intendono certificare il proprio impegno per l’adozione di misure volte a favorire il bilanciamento degli impegni vita e lavoro dei propri occupati.

Scopo dell’organizzazione, attraverso il coinvolgimento attivo del proprio personale e un’indagine interna dei fabbisogni, è quello di attivare e/o potenziare una gestione delle risorse umane e dei processi organizzativi interni in funzione delle esigenze di conciliazione vita e lavoro dei propri occupati, nell’ottica della promozione del Diversity Management, delle pari opportunità e del benessere lavorativo, dell’innovazione organizzativa e del management, della responsabilità sociale di impresa e del welfare territoriale con ricadute positive a livello della competitività e della produttività dell’azienda.

Le organizzazioni che acquisiscono il certificato Family Audit, sono iscritte in un apposito registro consultabile anche sul sito www.trentinofamiglia.it e previsto dall’articolo 16, comma 2 della legge provinciale n. 1/2011.

Il marchio dello standard Family Audit è di proprietà della Provincia autonoma di Trento, la quale svolge funzioni di Ente di certificazione attraverso l'Agenzia per la coesione sociale, ai sensi dell’articolo 19 comma 3bis della legge provinciale 2 marzo 2011, n. 1.

A livello provinciale, l'Agenzia del Lavoro e l’Agenzia provinciale per l'incentivazione delle attività economiche (APIAE) erogano contributi a favore delle organizzazioni locali che intraprendono il percorso di certificazione Family Audit.

L'Agenzia del Lavoro (AdL) concede contributi alle imprese per l’attuazione di progetti di riorganizzazione degli orari di lavoro finalizzati a favorire la conciliazione vita-lavoro e/o la valorizzazione delle competenze di genere nel lavoro. Per maggiori informazioni si suggerisce di consultare il sito trentinofamiglia al link: https://www.trentinofamiglia.it/Certificazioni-e-reti/Family-Audit/Agevolazioni/Agenzia-del-Lavoro

L’Agenzia provinciale per l'incentivazione delle attività economiche (APIAE) concede contributi a favore delle organizzazioni locali da utilizzare in compensazione fiscale per le spese di consulenza volte all'acquisizione del primo certificato Family Audit. Per maggiori informazioni si suggerisce di consultare il sito trentinofamiglia al seguente LINK . Lo standard Family Audit costituisce sul territorio trentino un elemento premiante per l'accesso a contributi pubblici o per la partecipazione a bandi, gare e appalti pubblici, ai sensi dell’articolo 11, comma 1 della legge provinciale 2 marzo 2011, n. 1 e dell’articolo 17 comma 5 lettera v) della legge provinciale 9 marzo 2016, n. 2. è utile rilevare che la l.p. n. 2/2016 all’articolo 2 comma 2bis prevede la definizione da parte della Provincia con apposite linee guida di criteri premiali e modelli di clausole contrattuali differenziati per settore, tipologia e natura dell'appalto per “perseguire le finalità relative alle pari opportunità, generazionali e di genere e per promuovere l'inclusione lavorativa delle persone disabili”.

La certificazione Family Audit è riconosciuta anche ai fini dell’accreditamento dei soggetti che operano in ambito socio assistenziale, ai sensi del "Regolamento di esecuzione degli articoli 19, 20 e 21 della legge provinciale 27 luglio 2007, n. 13 (Politiche sociali nella provincia di Trento) in materia di autorizzazione, accreditamento e vigilanza dei soggetti che operano in ambito socio assistenziale" approvato con decreto del del Presidente della Provincia 9 aprile 2018, n. 3-78/Leg. Lo standard Family Audit nel tempo si è diffusa anche sul territorio nazionale grazie ad accordi sia a livello centrale con il Governo, sia con singole Regioni quali Regione del Veneto, Regione Puglia, Regione autonoma della Sardegna, sia ancora con Enti pubblici quali Amministrazione provinciale di Lucca, Consorzio dei Comuni del Bacino imbrifero montano del Piave, ecc.).

Chi può fare domanda

Il Family Audit può essere adottato da qualsiasi organizzazione, di qualsiasi natura giuridica, dimensione, ambito di attività e prodotto/servizio fornito.

Per avviare l’iter di certificazione Family Audit occorre inviare la domanda attraverso il portale dei servizi online della Provincia autonoma di Trento (www.servizionline.provincia.tn.it).

Come aderire

Per ricevere informazioni e/o attivare il processo Family Audit è possibile consultare il sito trentinofamiglia al link https://www.trentinofamiglia.it/Certificazioni-e-reti/Family-Audit e/o rivolgersi all'Ufficio Family Audit dell’Agenzia per la coesione sociale (ACS).

Per saperne di più

Agenzia per la coesione sociale – Ufficio Family Audit

Via don G. Grazioli, 1 - 38122 Trento

Tel. 0461/494113 – 491675 Fax 0461/494111

familyaudit@provincia.tn.it

https://www.trentinofamiglia.it/Certificazioni-e-reti/Family-Audit

PEC: agenzia.coesionesociale@pec.provincia.tn.it

Normativa

Legge provinciale 2 marzo 2011, n. 1 “Sistema integrato delle Politiche Strutturali per la promozione del benessere familiare e della natalità”.

Deliberazione della Giunta Provinciale n. 2082 di data 24 novembre 2016 di approvazione delle Linee guida dello standard Family Audit.

Deliberazione della Giunta Provinciale n. 81 d data 28 gennaio 2022 “Registro dei soggetti pubblici e privati che aderiscono al distretto per la famiglia di cui all'art. 16 comma 2 Legge provinciale 2 marzo 2011, n. 1 "Sistema integrato delle politiche strutturali per la promozione del benessere familiare e della natalità". Integrazione "Sezione Operatori" e ulteriori deliberazioni.”

Note relative ai costi

Maggiori informazioni nella pagina Costi.

Pubblicato il: Venerdì, 23 Febbraio 2018 - Ultima modifica: Martedì, 01 Febbraio 2022

Valuta questo sito

torna all'inizio del contenuto