Vai menu di sezione

Comunicati stampa

4 dicembre - Euregio: un territorio a misura di famiglia

3 dicembre - Con ''L'Economia della Felicità'' si rimette l'uomo al centro

3 dicembre - Quarto Matching Day per le aziende Family Audit

3 dicembre - Una ricerca per dare valore ai Distretti famiglia e ai Piani giovani

3 dicembre - Quinta giornata del Festival della famiglia 2020

2 dicembre - Sfruttare le risorse esistenti sul territorio per generare nuovi servizi per famiglie e cittadini

2 dicembre - Co-Living: e se andassimo a vivere in montagna?

2 dicembre - Quarta giornata del Festival della famiglia 2020

1 dicembre - Donne, anziani, minori, disabili: reti di resilienza post pandemia

1 dicembre - Quale possibile alleanza fra scuola e famiglia, nell'emergenza?

1 dicembre - Un ''accordo di reciprocità'' tra la Provincia e l'European Large Family Confederation

1 dicembre - Al Festival della famiglia implicazioni sociali del telelavoro di massa

1 dicembre - Terza giornata del Festival della famiglia 2020

30 novembre - La famiglia genera felicità

30 novembre - Famiglia strategica per la società

30 novembre - ''Cosa ci insegna una pandemia, sfide per una nuova sostenibilità sociale”

30 novembre - Seconda giornata del Festival della famiglia 2020

28 novembre - Si alza il sipario sul Festival della famiglia 2020

24 novembre - Festival della famiglia 2020: protagonista l’Economia della saturazione

16 novembre - 5 giorni con il “Festival della famiglia”: reso noto il programma della kermesse

22 ottobre - Festival della famiglia: la 9° edizione si terrà online

11 settembre - Festival della famiglia: la società “post-Covid” verso un’economia della sostenibilità?

Si è tenuto stamattina il consueto appuntamento nell'ambito del festival della famiglia dedicato alla family card transfrontaliera. L’EuregioFamilyPass negli ultimi anni è cresciuta, allargando la platea delle famiglie che gratuitamente se ne servono e dei partner convenzionati che offrono sconti in tanti e variegati ambiti. Dopo i saluti e l’introduzione di Matthias Fink, segretario generale del GECT, è intervenuta l'assessore alla salute, politiche sociali, disabilità e famiglia Stefania Segnana: "Dalle tante proposte presentate durante il Festival della famiglia possiamo trarre spunti e idee per ampliare sempre più le sinergie e le buone pratiche family friendly - ha commentato -. Da questo punto di vista lo strumento dell'EuregioFamilyPass è un'innovazione importante, riesce a creare possibilità e facilitazioni anche in questi tempi segnati dalla pandemia".

Il dirigente generale dell’Agenzia per la famiglia, Luciano Malfer, ha poi apportato il suo contributo mettendo l’accento sull’importanza della sinergia tra pubblico e privato e del sistema delle premialità per le aziende che creano percorsi virtuosi, attraverso quei "processi interni che generano valore anche all'esterno".
Silvia Ramoser, coordinatrice del progetto Interreg Euregio Tirolo- Alto Adige -Trentino ha descritto come è nata, a che punto è oggi la carta famiglia e quali sviluppi sono auspicabili. In seguito Giuditta Aliperta, membro del gruppo di lavoro EuregioFamilyPass, ha descritto e presentato lo studio Team del professor Umberto Martini dell'Università di Trento, che si sta per intraprendere, e allargato gli orizzonti a una panoramica che porterà un valore aggiunto per ciascun territorio.
Momento di interessante confronto è stato quello in cui tre aziende hanno raccontato la loro esperienza nelle pratiche per la famiglia, che hanno portato a un miglioramento delle condizioni di lavoro generali e di salute dell'azienda stessa. Come l’Università di Innsbruck, come ha spiegato la vicedirettrice del personale, Anna Buchheim, che ha messo in luce ”l’importanza di prendersi cura dei dipendenti" per i quali ha creato un sondaggio per valutarne la soddisfazione e il benessere generale e "la costante cura del loro benessere incidendo anche sulle condizioni nelle quali si lavora”. Thomas Mur, direttore della Fiera di Bolzano, ha rimarcato che il Team è da sempre al centro delle loro iniziative tra cui il "catalogo dei desideri" dei dipendenti e il Coach personale, messo a disposizione per tutti i lavoratori.
Infine, Silvio Mucchi, ha parlato della sua esperienza nella Cassa Rurale Val di Non, come presidente. Molto attivo nell’ambito della rete Family Audit e in possesso del marchio, ha illustrato le iniziative numerose che hanno caratterizzato l'azienda, dall'inizio del percorso di certificazione, nel 2012 ad oggi, come quelle messe in campo per le scuole o l'apprezzato "abbraccio" rivolto ai più fragili in tempi di lockdown e distanziamento sociale. Ha inoltre sottolineato l'importanza sulla collaborazione delle diverse casse riguardo la politica family friendly con uno scambio costante.
L’evento, che è stato moderato dal responsabile di progetto Andreas Eisendle, era organizzato e coordinato dal gruppo di lavoro composto da Giuditta Aliperta per il Trentino, Roberta Bortolotti per il Tirolo e Massimiliano Santi per l’Alto Adige con Silvia Ramoser e Andreas Eisendle.

 

(us)
Pubblicato il: Lunedì, 23 Novembre 2020 - Ultima modifica: Venerdì, 04 Dicembre 2020

Valuta questo sito

torna all'inizio del contenuto