Vai menu di sezione

“Strike! Storie di giovani che cambiano le cose”

Fino al 30 luglio è possibile partecipare al concorso che premia le iniziative di successo degli under 35 residenti in Trentino e nelle province limitrofi.

Fino al 30 luglio è possibile partecipare al concorso che premia le iniziative di successo degli under 35 residenti in Trentino e nelle province limitrofi. Il progetto è realizzato dall'Agenzia provinciale per la famiglia, natalità e politiche giovanili in collaborazione con Fondazione Franco Demarchi, Trentino Social Tank e Cooperativa Mercurio. In palio un monte premi di 3.500 euro da utilizzare per ispirare altri giovani della propria zona di residenza e invitarli a fare “grandi cose”. 

Il concorso è nato due anni fa ed è rivolto ai giovani under 35 (nati dal 1° gennaio 1983) residenti nelle province di Trento, Bolzano, Sondrio, Brescia, Verona, Vicenza e Belluno che hanno fatto un personale “Strike!” nella loro vita e vogliono condividere la propria storia di successo con altri giovani per ispirarli e spronarli a immaginare, progettare, attivarsi per realizzare nuovi progetti o completare con successo quelli in corso. Non ci sono limiti e i racconti possono spaziare dall'impresa all'autonomia personale, dalla cultura al volontariato, dallo sport alla politica o alla tutela dell'ambiente. Quello che veramente importa è avere raggiunto un primo traguardo, un obiettivo di cui andare orgogliosi.

Il bando rimarrà aperto fino al 30 luglio e la partecipazione è semplice e veloce: basterà compilare il form di partecipazione sul sito www.strikestories.com , registrare la propria storia in un breve video (massimo 5 minuti), stampare, firmare e restituire la richiesta di partecipazione ottenuta dopo la compilazione del form e inviare la clip all'indirizzo info@strikestories.com.

In seguito lo staff e la giuria selezioneranno le 10 migliori proposte. La giuria è composta da: l'innovatore Alessandro Garofalo, il conduttore di Radio Deejay Vic, il regista Swan Bergman che ha curato i concerti di Vasco Rossi, la striker 2017 Anna Fiscale col progetto Quid, la responsabile della comunicazione di Grappe Bertagnolli Martina Bosetti e Diana Ziliute ex campionessa del mondo di ciclismo e bronzo alle Olimpiadi di Sydney.

I 10 finalisti parteciperanno in autunno al laboratorio di storytelling tenuto da Mattia Venturi e Flavio Nuccitelli della scuola Holden di Torino diretta da Alessandro Baricco e, successivamente, esporranno la loro esperienza nella serata conclusiva di sabato 10 novembre 2018 allo Smart Lab di Rovereto presentata dalla giornalista Francesca Re.

I tre vincitori scelti dalla giuria riceveranno un premio di 1.000 euro ciascuno per fare promozione sul territorio e tra i giovani del loro progetto di “Strike!”. A questi si aggiungono il premio del pubblico (500 euro) e un set di prodotti di cartoleria offerti dalla ditta Favini. Entrambi i premi, contrariamente a quanto accaduto nelle edizioni precedenti, potranno essere riservati anche a uno solo dei tre vincitori. Confermato anche l’appuntamento con “Strike Off” dopo il successo della sperimentazione dello scorso anno, un pomeriggio dove due team – ingegneri e poeti – forniranno tutti i consigli utili per far diventare concrete e vincenti le idee proposte dai giovani. L’evento si terrà prima della serata finale di “Strike!”.

Infine, le storie illustrate il 10 novembre saranno raccolte in un volume che sarà distribuito nel 2019 a cura dell’Agenzia provinciale per la famiglia, natalità e politiche giovanili.

(an)
Data di pubblicazione
26/07/2018
Politiche familiari
Pagina pubblicata Giovedì, 26 Luglio 2018 - Ultima modifica: Venerdì, 27 Luglio 2018

Valuta questo sito

torna all'inizio del contenuto