Vai menu di sezione

La disabilità diventa normalità al Festival della Famiglia

Presentato ieri il libro di Valentina Cecchi Tagliagambe

Ieri pomeriggio il Festival della Famiglia di Trento ha riservato una particolare attenzione a una storia speciale. E' quella di Matilde, una ragazza speciale che, con il supporto della famiglia, guarda anche in modo scanzonato il mondo che vive e dice a tutti “guardatemi per quella che sono e so fare senza pietismo, ma in modo semplice, vero, autentico”. “Io così normale, così diversa” è un libro viene dedicato a quei genitori altrettanto speciali che sanno trasformare il pianto in felicità. La presentazione si è tenuta presso la Fondazione Caritro, l'appuntamento era promosso in collaborazione con l’Associazione SportAbili Onlus .

Un caloroso pubblico di amici e volontari dell’associazione ha accolto le relatrici e i relatori. Quindi le parole della direttrice della fondazione Accademia della montagna, Iva Berasi "anche come Accademia stiamo lavorando per un Trentino accessibile"; quindi l'assessore di Rovereto Donata Loss ha dialogato con l'autrice "il libro comincia e finisce con un elenco di persone che la mamma Valentina ringraziate per averla indotta a credere nella vita nonostante… la diversità? O proprio per la normalità della figlia Matilde?”. Toccanti le parole di Valentina Cecchi Tagliagambe: “Devo ancora capire dove finisce la normalità e comincia la diversità. Si tratta di etichette imposte dall’esterno. Viviamo in una società senza filtri: i ragazzi spesso dicono la verità, ma la società non la vuole sentire. Dobbiamo tenere il cuore aperto agli altri, perché tutti possono insegnare qualcosa. E per fortuna ci sono ‘i supereroi’, educatori e volontari e psicologi che supportano la fiducia nella vita, nella potenzialità degli individui a dispetto delle difficoltà. Io credo che siamo irripetibili variazioni sul tema dell’esistenza: non c’è uno di noi uguale a un altro. Siamo tutti diversi, tutti speciali. E grazie a dio nessuno di noi è normale.”
Quindi Alessandro Benedetti, patron della casa editrice Grafiche Stile Edizioni: "Il titolo del libro di Valentina è affascinante, perché la diversità è dare valore a quello che c’è non a quello che manca. È la diversità che ci distingue dagli altri, che ci rende unici". Fra i presenti anche Giacomo Bertagnolli, atleta della nazionale paraolimpica di sci, vincitore di 4 medaglie alle olimpiadi del 2018 “mi sono sempre sentito accolto, non mi sono mai sentito diverso per il fatto di essere ipovedente", nonché di Gianluigi Rosa - atleta della nazionale paraolimpica di Ice Hockey e della squadra Aquile del Trentino A.A. Infine Graziella Anesi, presidente della cooperativa Handicrea - servizi per la disabilità, che ha portato la testimonianza della sua vita.
In chiusura un momento di grande affetto ed entusiasmo, durante il quale Matilde, protagonista del libro presentato, ha chiamato al tavolo dei relatori tutti i volontari per una foto di gruppo, simbolo della gratitudine e del valore attribuito al loro lavoro.

Data di pubblicazione
07/12/2018
Politiche familiari
Pagina pubblicata Venerdì, 07 Dicembre 2018 - Ultima modifica: Lunedì, 10 Dicembre 2018

Valuta questo sito

torna all'inizio del contenuto