Vai menu di sezione

L'estate? È family

Anche quest'anno sono oltre 16.000 i bambini e i ragazzi da 3 a 18 anni che usufruiscono di servizi estivi, dai campeggi alle colonie fino ai soggiorni proposti da enti e associazioni. Una conferma dell'importanza delle iniziative di conciliazione vita-lavoro, che aiutano e supportano le famiglie. Ma una conferma anche della bontà dei percorsi proposti che, spesso, rappresentano un'opportunità interessante dal punto di vista formativo ed educativo.
"Sappiamo bene quanto siano fondamentali i servizi di conciliazione vita-lavoro, ancor più nel periodo estivo quando i figli sono a casa nel periodo delle vacanze, soprattutto se entrambi i coniugi lavorano - sono le parole dell'assessore provinciale alla salute, politiche sociali, disabilità e famiglia -. Per questo ogni anno la Provincia, tramite l'Agenzia per la famiglia, mette in campo strumenti fondamentali rivolti a sostenere le famiglie, pensiamo ad esempio ai soggiorni estivi, un’offerta particolarmente apprezzata dalle famiglie trentine, che finanziamo anche quest'anno con oltre 700 mila euro, ai soggiorni nella Colonia di Cesenatico al completo anche quest'anno, oppure al fondamentale strumento dei Buoni di servizio cofinanziati tramite il Fondo Sociale Europeo, che consentono di acquistare servizi educativi per i propri figli. Non va poi dimenticato il progetto 'Estate Family", il portale che raccoglie tutte le iniziative di concliazione estive promosse dalle organizzazioni del territorio, uno strumento davvero fondamentale per tante famiglie trentine. Tutto questo a riprova che coesione sociale, familiare e natalità sono sfide che si possono vincere solo offrendo servizi rivolti al benessere

Questi i progetti messi in campo dall'Agenzia per la Famiglia nell'ambito della conciliazione famiglia/lavoro estiva:

Estate Family
www.estatefamily.it è il portale, promosso dalla Provincia autonoma di Trento attraverso l'Agenzia per la famiglia, che raccoglie le iniziative estive rivolte a bambini e ragazzi, organizzate da Organizzazioni pubbliche e private del territorio come Comuni, Parrocchie, Associazioni, Società sportive, Musei, Biblioteche, APT, Scuole, Fattorie didattiche, ecc. Il servizio è partito nel 2007 e quest'anno ha raggiunto la tredicesima edizione. Le Organizzazioni che propongono servizi finalizzati a conciliare i tempi vita e lavoro delle famiglie durante il periodo estivo, accedendo all'area riservata del portale, possono registrarsi direttamente online ed inserire tutte le informazioni sulle attività offerte. Per le famiglie l’accesso al portale è libero e gratuito: le famiglie possono effettuare la ricerca delle attività impostando diversi filtri (zona, età dei figli, periodo richiesto..); le attività inserite vengono puntualmente geolocalizzate sulla mappa, in modo da facilitare la ricerca.
L’anno scorso le Organizzazioni che hanno inserito le loro attività sono state 145, per un totale di 344 attività registrate. Di queste, circa il 33% aveva ottenuto il marchio Family in Trentino; di questa informazione viene data evidenza immediata sul portale per permettere alle famiglie di scegliere servizi di qualità attenti alle loro esigenze. L’anno scorso, in via sperimentale, il portale Estate family è stato messo a disposizione di alcuni Comuni italiani amici della famiglia per la promozione dei servizi estivi sui loro territori. L’esperienza verrà replicata anche quest’anno.
Info: www.estatefamily.it

Soggiorni estivi 2019
La Provincia sostiene, con specifici contributi, le organizzazioni senza scopo di lucro che avviano soggiorni estivi fra il 1° giugno e il 15 settembre di ogni anno, per bambini e ragazzi da 3 a 18 anni. Le organizzazioni - Associazioni sportive, ricreative, culturali, Parrocchie, Oratori, Cooperative, Bande musicali, Comuni, Scuole dell’Infanzia e Fondazioni - devono presentare domanda di contributo all'Agenzia per la famiglia dal 2 al 31 maggio 2019. Il contributo è riconosciuto all’Organizzazione promotrice per ogni bambino/ragazzo partecipante al soggiorno e per giornata di presenza in misura differenziata per campeggi (euro 4,10/giorno) , colonie diurne (euro 2,70/giorno) e soggiorni permanenti (euro 6,30/giorno). Il contributo è maggiorato in favore delle organizzazioni in possesso della certificazione Family in Trentino e/o della certificazione Family Audit. Al fine di sostenere le famiglie con figli disabili il contributo giornaliero per bambino/ragazzo è aumentato rispettivamente a 40 euro per i campeggi, 50 euro per le colonie diurna e 60 euro per soggiorni permanenti. Possono accedere al servizio anche i beneficiari di buoni di servizio ma per costoro non è riconosciuto alcun contributo all’Organizzazione promotrice.
Il soggiorno estivi sono un’offerta particolarmente apprezzata dalle famiglie trentine: i dati dei bambini/ragazzi partecipanti sono tendenzialmente costanti nel corso degli anni e vedono coinvolte ogni anno, nella realizzazione, circa 250 organizzazioni. Nell’anno 2018 sono state presentate 240 domande e finanziate 231, inoltre sono stati realizzati, anche su più turni, 110 campeggi, 118 colonie diurne e 3 soggiorni permanenti. Il contributo massimo concedibile in favore di ciascuna Organizzazione è pari a 14.000 euro oltre all’importo riconosciuto per i ragazzi disabili. I contributi non sono cumulabili con i contributi concessi dai Comuni o dalle Comunità di Valle per la medesima iniziativa. Il costo a carico del bilancio provinciale è stato di 716.000 euro, di cui 92.000 euro a sostegno di circa 191 utenti con disabilità certificata. I ragazzi coinvolti sono stati circa 16.000, di cui 10.300 non hanno beneficiato dei buoni di servizio.
Info: www.trentinofamiglia.it     - tel. 0461 499458 / 494195, dal 2 al 31 maggio le organizzazioni possono presentare domanda di contributo

Compendio colonie marine di Cesenatico
Al completo la Colonia di Cesenatico che, anche quest'anno, vede una lista di attesa per eventuali ritiri dell'ultimo giorno. A gestire il compendio colonie marine, per concessione della Provincia autonoma di Trento, è la cooperativa Aerat - Attività, Educative, Ricreative, Assistenziali Trentine. Lo scorso anno erano stati in totale 1235 gli iscritti fra i 7 e i 17 anni, distribuiti su 4 turni nei mesi di luglio ed agosto. Di essi, 693 erano le femmine e 542 i maschi, mentre ad utilizzare lo strumento del “buono di servizio” era stato una percentuale prossima al 42% di tutti gli ospiti, in linea rispetto al 2017. Per la provenienza scolastica degli iscritti, 519 dalle elementari, 573 dalle medie e 143 dalle superiori. Gli iscritti alla colonia provengono da tutte le comunità di Valle della Provincia: a fare la parte del leone per il 2018 è stata la Val d'Adige con il 21,84% delle presenze, seguono le Giudicarie con il 12,54%, quindi l'Alta Valsugana con il 12,38%, ultimo gli altipiani Folgaria con lo 0,65%. La colonia prevede un'organizzazione ben strutturata:  responsabile dell'area educativa, direttore, segreteria, responsabile sanitario, infiermiere, coordinatori/animatori e assistenti educatori. Complessivamente nell’estate 2018, per i ruoli di coordinatore e assistente, Aerat ha dato lavoro, con contratti a tempo determinato,  a circa 100 ragazze e ragazzi, selezionati e formati nel corso dei mesi precedenti l'avvio delle attività, secondo requisiti e programmi condivisi con l'agenzia per la Famiglia della PAT. Il percorso formativo per il personale, così come le attività di colonia mirano a dare sviluppo al progetto educativo della cooperativa fondato su alcuni pilastri essenziali: stili di vita attivi orientati a valori positivi, qualità delle relazioni e della comunicazione, sviluppo della personalità e della responsabilità dei ragazzi, nessun utilizzo degli smartphone da parte degli ospiti durante il soggiorno.  
Info: www.aeratscarl.com   -mail: info@aeratscarl.com - tel: 0461 239201

Buoni di servizio Fse
La misura finanziaria complessiva è pari a circa 6 milioni di euro all’anno ed interessa 5.850 nuclei familiari e 7.984 minori. I servizi di cura e custodia, riconosciuti tramite i Buoni di Servizio, sono erogati da soggetti qualificati ed accreditati per l’accompagnamento e la cura di minori, con personale dedicato, formato appositamente, che propone specifici cammini educativi. I buoni coprono la cura dei minori per tutta la durata dell'anno e coprono i costi dei servizi di conciliazione, quali i nidi, le tagesmutter, baby sitting, l'estate bambini e l'estate ragazzi, l'aiuto compiti. La quota di co-partecipazione delle famiglie varia dal 15% al 20% in ragione dell'età del minore beneficiario del servizio conciliativo, i buoni sono riservati ai domiciliati in provincia di Trento. L’Europa ha sempre sostenuto finanziariamente questa intervento, assieme alla Provincia e allo Stato a partire dall'anno 2005. La madre lavoratrice può richiedere nell'anno solare fino a 5 Buoni di Servizio con un valore compreso tra i 900 e i 1.500 euro in base all’indicatore ICEF (sotto soglia 0,40) e la fascia di interesse è dai 3 mesi ai 14 anni.

Pagina pubblicata Giovedì, 18 Aprile 2019

Valuta questo sito

torna all'inizio del contenuto