Vai menu di sezione

Festival famiglia: gli esiti della ricerca nel Distretto Val di Fiemme

L’incontro sull’analisi delle reti nel Distretto famiglia Fiemme è stato introdotto dal coordinatore del Distretto e vicepresidente della Comunità di Valle, Michele Malfer. Ha parlato del tema del Festival della famiglia, sottolineando l’importante lavoro fatto nel corso di sette anni sul capitale sociale e sullo sviluppo delle partnership pubblico-privato. Presente anche l'ass.re Mauro Gilmozzi

29/11/2017, Cavalese, auditorium Istituto di istruzione Marie Curie

Network analysis: gli esiti della ricerca nel Distretto Val di Fiemme

L’incontro sull’analisi delle reti nel Distretto famiglia della Val di Fiemme è stato introdotto dal coordinatore del Distretto e vicepresidente della Comunità di Valle, Michele Malfer. Malfer ha parlato del tema del Festival della famiglia 2017, sottolineando l’importante lavoro fatto nel corso di sette anni in Val di Fiemme sul capitale sociale e sullo sviluppo delle partnership pubblico-privato.

È intervenuta poi la Presidente del consiglio comunale di Cavalese, Maria Elena Gianmoena, che ha ricordato l’impegno dell’amministrazione nelle tematiche della parità di genere.

Luca Baldinazzo, sociologo collaboratore dell’Agenzia per la famiglia, ha esposto i dati relativi alla ricerca sulle reti effettuata in Val di Fiemme nel corso del 2016, mostrando i reticoli di collaborazione del Distretto famiglia e le osservazioni dei membri del Distretto nei confronti dell’attività del Gruppo di lavoro.

Claudio Gramaglia, psicologo di comunità, ha stimolato la riflessione sul capitale sociale e sul valore della costruzione di ponti e legami deboli fra i soggetti partner del Distretto, affinché la comunità sia capace di fare fronte alle difficoltà e distribuire equamente le energie e le risorse.

In chiusura, sono intervenuti l’assessora Dorotea Corradini del Comune di Castello-Molina, che ha sottolineato la funzione di supporto emotivo-morale oltreché materiale che viene dalla partecipazione al Distretto, e il sindaco di Daiano, Mattia Zorzi, che ha ricordato l’importanza dei sistemi premianti, anche piccoli e simbolici, per sensibilizzare alle tematiche familiari e per dare visibilità al Distretto fra la popolazione.

L’assessore alle infrastrutture e all’ambiente della Provincia di Trento, Mauro Gilmozzi, ha chiuso l’incontro con una riflessione sull’importanza del fare comunità, costruire relazioni e recuperare la fiducia nell’altro, in una fase storica di tendenza all’individualismo e all’isolamento.

Data di pubblicazione
30/11/2017
Politiche familiari
Distretto di riferimento
Pagina pubblicata Giovedì, 30 Novembre 2017 - Ultima modifica: Giovedì, 12 Luglio 2018

Valuta questo sito

torna all'inizio del contenuto