Vai menu di sezione

Bonus Bebè (assegno di natalità)

Lo Stato dispone stanziamenti per l’assegno di natalità per i figli naturali o adottati. L’Ente incaricato alla concessione dell’assegno di natalità è l’INPS.

L’assegno di natalità (anche detto "Bonus Bebè") è un assegno mensile destinato alle famiglie per ogni figlio nato, adottato o in affido preadottivo. L’assegno è annuale e viene corrisposto ogni mese fino al compimento del primo anno di età o del primo anno di ingresso nel nucleo familiare a seguito di adozione o affidamento preadottivo.

Per le nascite, adozioni ed affidamenti preadottivi a partire dal 2020 la prestazione è stata rimodulata con nuove soglie di  ISEE  e può spettare, in applicazione del principio dell’accesso universale, nei limiti di un importo minimo, anche per  ISEE  superiori alla soglia di 40.000 euro o anche in assenza dell’indicatore  ISEE .

Chi può fare domanda

L’assegno spetta ai cittadini italiani, comunitari o extracomunitari in possesso di idoneo titolo di soggiorno (di seguito sono elencati tutti i requisiti) per le nascite, adozioni, affidamenti preadottivi avvenuti nel 2021 (e 2020 fino al compimento del primo anno di età o del primo anno di ingresso nel nucleo familiare per adozioni e affidamenti preadottivi).

Aventi diritto
Come aderire

La domanda deve essere presentata entro 90 giorni dalla nascita o dalla data di ingresso del minore affidato o adottato nel nucleo familiare. In caso di affidamento temporaneo, la domanda può essere presentata dall’affidatario entro 90 giorni dall’emanazione del provvedimento del giudice o del provvedimento dei servizi sociali reso esecutivo dal giudice tutelare.

MAGGIORI INFORMAZIONI CLICCA AL SITO INPS QUI

RECAPITI:

Contact Center dell’INPS ai numeri 803-164 da rete fissa - 06164164 da mobile

sito: www.inps.it

 

Giorni di attesa, dalla richiesta
0
Copertura geografica
Parole chiave
Pubblicato il: Mercoledì, 26 Febbraio 2020 - Ultima modifica: Mercoledì, 19 Gennaio 2022

Valuta questo sito

torna all'inizio del contenuto