Vai menu di sezione

Affidamento familiare dei minori

L’affidamento familiare dei minori è un intervento volto ad assicurare risposte al bisogno affettivo, al mantenimento, all’educazione e all’istruzione dei minori temporaneamente privi di un ambiente familiare idoneo. Finalità di questo intervento sono sia il sostegno del minore che quello verso la sua famiglia di origine attraverso un lavoro congiunto di tutti i soggetti coinvolti.

L’affidamento familiare assicura al minore il diritto ad una famiglia che integri o sostituisca temporaneamente quella d’origine con l’obiettivo del rientro dello stesso nel proprio nucleo familiare. L’affidamento familiare è temporaneo, programmato, promosso e sostenuto dai Servizi sociali, a volte prescritto dal Tribunale per i Minorenni.
Il periodo di affidamento non può superare la durata di 24 mesi ed è prorogabile, dal Tribunale per i Minorenni, qualora la sua sospensione sia ritenuta dannosa per il minore.
Le Comunità sostengono la famiglia affidataria con un contributo mensile per il mantenimento del minore affidato. La Provincia autonoma di Trento provvede a stipulare con oneri a proprio carico una polizza assicurativa di responsabilità civile verso terzi a favore del soggetto affidatario e una polizza di assicurazione contro gli infortuni a favore del minore affidato. E’ previsto il rilascio alla famiglia affidataria, da parte del Servizio sociale territoriale, di un’apposita attestazione di esenzione dal pagamento del ticket sanitario per spese relative al minore. La famiglia d’origine è tenuta a concorrere alle spese per l'affidamento del proprio figlio in ragione del proprio reddito.

Contatti

Comune di Rovereto – Servizio attività sociali
E-mail:
servizisociali@comune.rovereto.tn.it
E-mail certificata:
sociali@pec.comune.rovereto.tn.it
Telefono principale:
0464 452135
Sito web:
Comune di Trento – Servizio Attività sociali
E-mail:
servizio_attivitasociali@comune.trento.it
E-mail certificata:
attivitasociali.comune.tn@cert.legalmail.it
Telefono principale:
0461 884477
Sito web:
Comunità della Valle dei Laghi
E-mail:
segreteria@comunita.valledeilaghi.tn.it
E-mail certificata:
comunita@pec.comunita.valledeilaghi.tn.it
Telefono principale:
0461 340163
Sito web:
Comunità della Paganella
E-mail:
comunita@comunita.paganella.tn.it
E-mail certificata:
comunita@pec.comunita.paganella.tn.it
Telefono principale:
0461 585230
Sito web:
Comunità Rotaliana-Königsberg
E-mail:
protocollo@comunitarotaliana.tn.it
E-mail certificata:
comunita@pec.comunitarotaliana.tn.it
Telefono principale:
0461 601540
Sito web:
Magnifica Comunità degli Altipiani Cimbri
E-mail:
segreteria@comunita.altipianicimbri.tn.it
E-mail certificata:
comunita@pec.comunita.altipianicimbri.tn.it
Telefono principale:
0464 784170
Sito web:
Comun General de Fascia
E-mail:
segreteria@comungeneraldefascia.tn.it
E-mail certificata:
pec.cgf@pec.comungeneraldefascia.tn.it
Telefono principale:
0462 764500
Sito web:
Comunità della Vallagarina
E-mail:
info@comunitadellavallagarina.tn.it
E-mail certificata:
comunita@pec.comunitadellavallagarina.tn.it
Telefono principale:
0464 484211
Sito web:
Comunità Alto Garda e Ledro
E-mail:
segreteria@altogardaeledro.tn.it
E-mail certificata:
info@pec.altogardaeledro.tn.it
Telefono principale:
0464 571711
Sito web:
Comunità delle Giudicarie
E-mail:
info@comunitadellegiudicarie.it
E-mail certificata:
c.giudicarie@legalmail.it
Telefono principale:
0465 339555
Sito web:
Comunità della Valle di Sole
E-mail:
segreteria@comunitavalledisole.tn.it
E-mail certificata:
segreteria@pec.comunitavalledisole.tn.it
Telefono principale:
0463 901029
Sito web:
Comunità della Val di Non
E-mail:
info@comunitavaldinon.tn.it
E-mail certificata:
presidenza@pec.comunitavaldinon.tn.it
Telefono principale:
0463 601611
Sito web:
Comunità della Valle di Cembra
E-mail:
protocollo@comunita.valledicembra.tn.it
E-mail certificata:
comunita@pec.comunita.valledicembra.tn.it
Telefono principale:
0461 680032
Sito web:
Comunità Valsugana e Tesino
E-mail:
segreteria@comunitavalsuganaetesino.it
E-mail certificata:
comunita@pec.comunita.valsuganaetesino.tn.it
Telefono principale:
0461 755555
Sito web:
Comunità Alta Valsugana e Bersntol
E-mail:
urp@comunita.altavalsugana.tn.it
E-mail certificata:
comunita@pec.comunita.altavalsugana.tn.it
Telefono principale:
0461 519519
Sito web:
Comunità di Primiero
E-mail:
affarigenerali@primiero.tn.it
E-mail certificata:
comunita@pec.primiero.tn.it
Telefono principale:
0439 64641
Sito web:
Comunità Territoriale della Val di Fiemme
E-mail:
info@comunitavaldifiemme.tn.it
E-mail certificata:
comunita@pec.comunitavaldifiemme.tn.it
Telefono principale:
0462 241311
Sito web:
Equipe multidisciplinare per l’affidamento minori e famiglie EMAMeF - Ufficio Centro per l’Infanzia - Servizio Politiche sociali e abitative - Prov...
E-mail:
centro.infanzia@provincia.tn.it
Telefono principale:
0461/493358
Sito web:
Chi può fare domanda

L’affidamento può essere a parenti o ad estranei, consensuale o disposto dall’autorità giudiziaria. Il nucleo affidatario può essere costituito da coppie con o senza figli, sposate o conviventi o anche da persone singole, senza vincoli di età rispetto al bambino affidato.
La famiglia affidataria è individuata dall’Equipe multidisciplinare per l’affidamento minori e famiglie, a seguito di un percorso di informazione, valutazione e conoscenza delle risorse interne al nucleo. La predisposizione del progetto e la gestione dell’affidamento è curata dal Servizio sociale territorialmente competente per comune di residenza della famiglia d’origine del minore.

Come aderire

Tutti coloro che intendono avere informazioni e conoscenza sull’affidamento familiare si possono rivolgere all’Equipe multidisciplinare per l’affidamento minori e famiglie, telefonicamente, per un colloquio oppure per un incontro a piccolo gruppo. Qui troveranno assistenti sociali, che:

- risponderanno ai quesiti posti dagli interessati;

- forniranno informazioni sull’organizzazione e sul percorso proposto e consegneranno il primo materiale illustrativo.

A seguito dei colloqui e/o degli incontri di gruppo, di cui sopra, le persone disponibili all’affido dovranno seguire un percorso di conoscenza individualizzato.
Tale percorso, consistente, di norma, in tre colloqui con un’assistente sociale ed uno psicologo, una visita domiciliare, un colloquio con i figli della coppia.

Da un lato deve consentire ai Servizi una conoscenza di tutti i componenti della famiglia e dall’altro permettere agli aspiranti affidatari di comprendere la realtà dei nuclei familiari seguiti dai Servizi territoriali ed i loro bisogni; il percorso si conclude con un momento di restituzione da parte degli operatori con la famiglia circa l’esito dello stesso. Successivamente gli aspiranti affidatari verranno inseriti in gruppi, con cadenza mensile, composti da famiglie affidatarie e famiglie disponibili all’esperienza dell’affidamento, con l’obiettivo di permettere il confronto tra chi sta già vivendo un’esperienza e chi la sta immaginando e desiderando. Parallelamente ai gruppi degli adulti, i figli della coppia e i minori affidati vengano inseriti in gruppi omogenei per età, al fine di condividere la stessa esperienza.

Giorni di attesa, dalla richiesta
0
Copertura geografica
Parole chiave
torna all'inizio del contenuto
Pagina pubblicata Giovedì, 01 Marzo 2018 - Ultima modifica: Venerdì, 06 Aprile 2018

Valuta questo sito

torna all'inizio del contenuto