Vai menu di sezione

Mediazione familiare, un nuovo punto informativo al tribunale di Rovereto

Dopo Trento, anche presso il Tribunale di Rovereto sarà istituito un Punto informativo sulla mediazione familiare, un servizio a favore di genitori in fase di separazione e/o divorzio.

opo Trento, anche presso il Tribunale di Rovereto sarà istituito un Punto informativo sulla mediazione familiare, un servizio a favore di genitori in fase di separazione e/o divorzio. Si tratta di un'iniziativa che ha l'obiettivo di ricercare, insieme alla coppia, degli accordi concreti e soddisfacenti a vantaggio dei figli. Questa mattina , la giunta provinciale ha approvato la delibera, a firma dell'assessore alla sanità e politiche sociali, Ugo Rossi, con lo schema di protocollo tra la Provincia autonoma di Trento e il tribunale. Negli scorsi mesi, il presidente della Provincia autonoma di Trento, Lorenzo Dellai, e il presidente del Tribunale, Savino Giarrusso, avevano firmato una precedente intesa per l'apertura del primo punto informativo a Trento.

La giunta provinciale ha approvato la proposta dell'assessore provinciale alla sanità e alle politiche sociali, Ugo Rossi, di istituire a Rovereto, presso il Tribunale, il secondo punto informativo sulla mediazione familiare, dopo Trento, entrato in funzione in estate.
L'iniziativa su Rovereto è stata pensata allo scopo di valorizzare e ottimizzare l’offerta del Servizio di mediazione familiare pubblico sul territorio provinciale, promuovendo la collaborazione di tutti gli attori a vario titolo coinvolti nei processi che interessano la famiglia in stato di bisogno. Il punto informativo nasce con l'obiettivo di promuovere e sensibilizzare alla cultura della mediazione familiare, già diffusa da alcuni anni sul territorio provinciale e concretizzatasi con l’approvazione di una deliberazione che comprende la mediazione familiare quale servizio pubblico gratuito afferente le politiche di welfare e destinato ai residenti in provincia di Trento.

L’attività del punto informativo di mediazione familiare verrà svolta con personale qualificato del Servizio politiche sociali e abitative della Provincia in collaborazione con quello degli enti locali e del privato sociale convenzionato.
La Provincia autonoma di Trento , attraverso il Servizio politiche sociali e abitative, eserciterà un ruolo di regia, facendosi garante rispetto agli obiettivi individuati, e organizzerà l’attività del punto informativo.
Così come è successo per Trento, anche il Tribunale di Rovereto destinerà un locale per lo svolgimento dell’attività ed autorizzerà l’apertura del punto informativo.
Il protocollo - approvato oggi - ha una validità annuale e alla scadenza sarà automaticamente rinnovato salvo espressa volontà contraria delle parti promotrici.

Secondo i dati del Servizio politiche sociali e abitative, in provincia di Trento su un totale di 1658 matrimoni civili e religiosi celebrati (dati 2009) sono stati oltre 1400 i procedimenti di separazione e i divorzi. Se rapportato al totale delle famiglie, si ottiene una percentuale 0,4, valore leggermente superiore sia al dato italiano che a quello riferito al Nord-Est.

Per saperne di più: trentinofamiglia@provincia.tn.it, o Sportello Famiglia 0461 493144.

Data di pubblicazione
03/09/2011
Pubblicato il: Sabato, 03 Settembre 2011 - Ultima modifica: Giovedì, 08 Marzo 2018

Valuta questo sito

torna all'inizio del contenuto